Rettifica dati UniEmens nuova procedura per le regolarizzazioni con DM-VIG

Rettifica dati UniEmens nuova procedura per le regolarizzazioni con DM-VIG

L’INPS, al fine di assicurare la corretta gestione dei flussi UniEmens di regolarizzazione inoltrati dai datori di lavoro, ha recentemente introdotto una nuova procedura riguardante i flussi di variazione.
Tale novità non riguarda i flussi senza valenza contributiva o che siano inerenti a denunce UniEmens in stato errato ovvero conseguenti a note di rettifica.

EMERGENZA COVID-19

Nuovi codici UniEmens per i contributi sospesi nei mesi di aprile e maggio 2020

In particolare, tale procedura prevede che, prima di poter procedere alla trasmissione di un flusso regolarizzativo, l’impresa debba inviare, tramite cassetto bidirezionale, utilizzando l’oggetto definito “Uniemens – Regolarizzazione (DM-VIG) – Invio documentazione”, la specifica documentazione richiesta dall’Istituto.

Tale trasmissione comporterà l’automatica generazione di un ticket, che consiste nel protocollo INPS attestante l’avvenuto invio della comunicazione, e che dovrà essere inserito nel flusso.

Per ogni regolarizzazione dovrà essere specificato il relativo tipo regolarizzazione (TipoRegolarizz), e dovranno essere indicate nuove informazioni diversificate per ogni Tipo Regolarizzazione, sia nella denuncia individuale che in quella aziendale.

Le imprese e gli intermediari autorizzati potranno verificare l’esito della regolarizzazione (emissione DM10/VIG) attraverso l’apposita funzione del “Portale contributivo Aziende e Intermediari”.

 

 

Documentazione da allegare
E’ previsto l’invio della documentazione di supporto nel caso di:

  • regolarizzazioni spontanee;
  • regolarizzazioni per conciliazioni monocratiche;
  • regolarizzazioni a seguito di verbali emessi da altri enti per differenze retributive o lavoro nero o a seguito di sentenza.

N.B. L’invio non è necessario con riferimento ai flussi di variazione che non abbiano valenza contributiva o per quelli inerenti denunce UniEmens in stato errato o per la gestione di note di rettifica. 

Qualora la documentazione trasmessa tramite cassetto bidirezionale dovesse risultare incongrua e/o insufficiente, la Sede INPS dovrà tempestivamente sollecitare l’integrazione della documentazione, mediante il canale PEC del cassetto bidirezionale medesimo (o, in mancanza, mediante raccomandata A/R); decorsi inutilmente 30 giorni dal ricevimento del sollecito, il flusso regolarizzativo dovrà essere respinto, con eventuale avvio del recupero coattivo della contribuzione dovuta.

Sarà possibile verificare l’esito della regolarizzazione (DM10/VIG) attraverso l’apposita funzione del “Portale contributivo aziende e intermediari”.

Trasmissione del flusso di variazione
La trasmissione del flusso di variazione può essere effettuata con invio di un file XML o con la procedura on line di variazione messa a disposizione sul portale INPS.

Le opzioni di variazione presenti sulla procedura online sono:

  • Variazione dati denuncia senza valenza contributiva: per gli elementi della denuncia individuale che non concorrono alla dichiarazione del quantum dovuto;
  • Variazione dati denuncia per sistemare DM10 Virtuale Squadrato: interviene sulla denuncia squadrata, che non può essere elaborata per «l’evidente indefinibilità» data dalla incoerenza del saldo con quanto dichiarato;
  • Variazione dati denuncia per regolarizzazione: per variazioni che intervengono su una denuncia già consolidata; possono generare VIG;
  • la variazione trasmessa può comportare la necessità di ricalcolare il contributo dovuto (variazione a «valenza contributiva»).

In tale caso, sulla base della differenza tra il quantum calcolato nella denuncia originaria e quello dovuto a seguito della variazione, il sistema UniEMens calcola una «proposta di regolarizzazione», che, confermata da un operatore INPS, produce la contabilizzazione di un importo a credito o a debito del contribuente.

Non producono titoli di regolarizzazione le variazioni che riguardano:

  • I dati dichiarativi della denuncia aziendale (totale a debito e totale a credito), che sono utili esclusivamente alla quadratura ed alla generazione del DM10 Virtuale;
  • Le informazioni che hanno effetto esclusivamente sul conto assicurativo del lavoratore;
  • Le variazioni che producono regolarizzazioni i cui importi si compensano reciprocamente.

La variazione è potenzialmente idonea a generare un titolo di regolarizzazione solo se:

  • la denuncia originaria è già generata e quadrata;
  • l’importo originario della denuncia sia certo (es. non vi siano nota di rettifica in stato emesso o inviato).
Nuovi codici UniEmens per i contributi sospesi nei mesi di aprile e maggio
Sospensioni dei versamenti legate alla riduzione del fatturato
La risoluzione del rapporto di lavoro nell’emergenza

Decontribuzione su premi di produttività come esporle in UNIEMENS

Bonus assunzioni Sud come valorizzare UniEmens

Bonus nido con App INPS Mobile nuova funzionalità

(Visited 8.676 times, 5 visits today)
Precedente Sostituzione della caldaia Detrazione spettante Successivo Fatturazione elettronica contribuenti minimi e forfetari come i consumatori finali

Lascia un commento