Crea sito

Modello 770 sdoppiamento del rigo SX1

Modello 770 sdoppiamento del rigo SX1

modello 770Il Mod. 770/2018, da trasmettere all’Agenzia delle Entrate entro il prossimo 31 ottobre, presenta alcune novità riguardanti la compilazione dei quadri ST e SX.
Nel mod. 770 è presente il quadro ST dove indicare le ritenute operate, trattenute per assistenza fiscale, imposte sostitutive effettuate nonché versamenti relativi alle ritenute e imposte sostitutive. Inoltre è presente il quadro SX dove indicare il riepilogo dei crediti e delle compensazioni effettuate ex art. 17, D.Lgs. n. 241/97.
Con riferimento alle Sezioni I e II del quadro ST si segnala una novità in termini di compilazione dei righi nell’ipotesi di presenza di interessi per incapienza della retribuzione e per rettifica, relativi a somme trattenute a seguito di assistenza fiscale. In particolare, quest’anno, a campo 2 “Ritenute operate” trovano esposizione le somme trattenute (saldo e acconti IRPEF, addizionali regionale, ecc.) al netto degli interessi per incapienza della retribuzione e per rettifica (versati, in F24, cumulativamente alla somma cui si riferiscono, con il medesimo codice tributo) che andranno, invece, evidenziati separatamente a campo 8 “Interessi”.

Gli eventuali interessi per rateizzazione trattenuti e versati separatamente con codice tributo distinto (rispetto alla somma cui si riferiscono) continuano, invece, a trovare esposizione a campo 2 “Ritenute operate” in un rigo separato rispetto all’importo cui si riferiscono (saldo IRPEF, saldo Addizionale regionale, primo acconto IRPEF, ecc.).
Con riferimento alle casistiche in esame (interessi per incapienza, per rettifica ovvero per rateizzazione relativi a somme trattenute da assistenza fiscale), le modalità di compilazione dei righi del Quadro SV (addizionali comunali) sono, invece, rimaste immutate rispetto allo scorso anno, con la conseguenza che:

  • le somme trattenute (saldo e acconto addizionale comunale) vanno esposte a campo 2 al lordo degli interessi per incapienza della retribuzione e per rettifica (versati, in F24, cumulativamente alla somma cui si riferiscono con il medesimo codice tributo: 3846 se trattasi di saldo ovvero 3845 se trattasi di acconto);
  • gli interessi per rateizzazione continuano ad essere esposti separatamente dalla somma cui si riferiscono dal momento che sono versati con un differente codice tributo (3795).

Manovra 2019 invio Modello Redditi a fine anno e abrogazione del 770

Nel quadro SX rimane confermato il rigo SX4, strutturato su sei colonne, destinato a contenere i dati complessivi relativi ai crediti e alle compensazioni effettuate nell’anno 2017.
Tuttavia, per effetto dell’inserimento, nel rigo SX1, dell’informazione relativa all’utilizzo nel Mod. F24 dei crediti ivi indicati (colonna 5 del rigo SX1), il credito indicato nella colonna 4 del rigo SX4, denominata “Credito risultante dalla presente dichiarazione”, risulta nettizzato di quanto già indicato nel rigo SX1 colonna 5. La colonna 2 del rigo SX4 “Credito utilizzato in F24” si riferisce esclusivamente al credito indicato nella precedente colonna 1, derivante dal Mod. 770/2017. Si tratta del credito, utilizzato, a seconda dei casi, con i codici tributo 6781, 6782 e/o 6783 entro la data di presentazione del Mod. 770/2018, avente il 2016 come anno di riferimento sulla delega F24.

La colonna 1 “Credito risultante dalla dichiarazione relativa al 2016” evidenzia l’eventuale credito risultante dalla dichiarazione relativa al 2016 (importo indicato nel rigo SX4, colonna 6 e nei righi SX32 e/o SX33 e/o SX34 del Mod. 770/2017).
La colonna 2 “Credito utilizzato in F24” evidenzia l’ammontare del credito indicato nella precedente colonna 1 (dunque, il credito risultante dal Mod. 770/2017), utilizzato in compensazione con Mod F24 utilizzando i codici tributo 6781, 6782 e/ 6783 (con anno di riferimento 2016 nella delega F24) entro la data di presentazione del Mod. 770/2018.

La colonna 3 “Credito da DI” evidenzia il maggior credito risultante dalla somma della colonna 5 del Quadro DI, ossia il maggior credito che emerge dalla dichiarazione integrativa a favore presentata nel 2017, ai sensi dell’articolo 2, comma 8-bis del D.P.R. n. 322/1998, come modificato dall’articolo 5, DL n. 193/2016, convertito dalla Legge n. 225/2016. Nello specifico, nella colonna in esame vanno indicati tutti i maggior crediti individuati con le Note A, B, C, D, E ed F della colonna 2 del Quadro DI.
La colonna 4 “Credito risultante dalla presente dichiarazione” indica l’ammontare del credito risultante dalla dichiarazione.

Modello 770 2018 gli obblighi per gli intermediari

Omissione Modello 770 2017 come rimediare

(Visited 417 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.