Crea sito

Contributi a fondo perduto per i soggetti in coprifuoco.

Contributi a fondo perduto per i soggetti in coprifuoco.

Tax credit locazioni fino a fine anno.

Dopo il susseguirsi nelle ultime ore una serie di incontri istituzionali tra il Governo e le principali associazioni di categoria per l’adozione delle misure di sostegno economico a favore dei soggetti coinvolti dalle nuove restrizioni anti-covid adottate con DPCM del 25 ottobre e in vigore dal 26 ottobre, nella giornata di ieri 27 ottobre il Governo ha approvato il nuovo “Decreto Ristori” della portata complessiva compresa tra i 5 e i 6 miliardi di euro.

Contributo a fondo perduto per gli operatori dei settori economici interessati dalle misure restrittive– a seguito delle insistenti richieste da parte dei commercianti (sfociate nei giorni scorsi anche in alcune proteste in piazza), il Governo ha deciso di erogare un contributo a fondo perduto a favore degli operatori economici individuati all’allegato 1 (mediante codice ATECO), sulla falsariga di quanto già previsto dall’art. 25 del Decreto Rilancio n. 34/2020. Al pari di quanto disposto dalla precedente misura, i beneficiari dovranno aver subito un danno derivante dalle nuove misure di restrizione, anche se l’accesso viene ancora una volta subordinato alla diminuzione del fatturato e dei corrispettivi nel mese di aprile 2020 pari ad almeno il 33% rispetto al mese di aprile 2019; le somme verranno accreditate dall’Agenzia delle Entrate sul medesimo conto corrente già comunicato. Chi non avesse già usufruito del precedente contributo, dovrà presentare istanza mediante l’apposita procedura web, utilizzando il modello approvato con Provvedimento del 10 giugno 2020.

Il contributo spetta ai soggetti con partita IVA attiva alla data del 25 ottobre 2020; per i soggetti che abbiano attivato la partita IVA in data successiva al 1 gennaio 2019, il contributo verrà erogato anche in assenza del calo del fatturato.

Fondo per il sostegno delle associazioni e società sportive dilettantistiche– In considerazione della chiusura disposta per palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali e altri (vedasi art. 1, comma 9, lett. f) del DPCM 25.10.2020), è istituito il “Fondo per il sostegno delle Associazioni Sportive Dilettantistiche e delle Società Sportive Dilettantistiche” della dotazione massima di 50 milioni in favore di associazioni e società sportive dilettantistiche che hanno cessato o ridotto la propria attività istituzionale a seguito dei provvedimenti statali di sospensione delle attività sportive.

Incrementi per i fondi a sostegno degli operatori turistici – Per le agenzie di viaggio e i tour operator, le guide e gli accompagnatori turistici, il fondo di 265 milioni verrà incrementato di ulteriori 400 milioni per l’anno 2020. Per librerie e per l’intera filiera dell’editoria, musei e altri istituti e luoghi della cultura verranno messi a disposizione ulteriori 100 milioni, che andranno a sommarsi ai 231,5 già approvati. Come si legge nella relazione illustrativa, infatti, i predetti operatori hanno subito i gravi effetti del blocco dei flussi turistici dovuto alle misure di confinamento e di restrizione dei viaggi imposte dalla pandemia da coronavirus.

Contributo a fondo perduto a favore delle imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura –Requisiti di accesso più morbidi per l’accesso al contributo a fondo perduto a favore della filiera agricola, della pesca e dell’acquacoltura, per le quali è richiesta una diminuzione del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 pari ad almeno il 25% del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.

Credito di imposta per affitti commerciali fino a fine anno– Dovrebbe trovare estensione ai mesi di ottobrenovembre e dicembre il credito di imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda di cui all’articolo 28 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77. L’accesso alla misura sarà garantito indipendentemente dall’ammontare di ricavi e compensi conseguiti nel periodo di imposta precedente, ma la stessa è subordinata al rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 C(2020) 1863 final “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19”.

Cancellazione IMU per l’anno 2020– Risulterebbe inoltre cancellata la seconda rata dell’IMU 2020 per proprietari di immobili in cui sono esercitate una o più attività indicate nella tabella di cui all’allegato 1, purché siano anche gestori. La misura, che si estende anche alle relative pertinenze, amplia la platea di beneficiari rispetto a quanto già disposto dall’art. 78 del Dl 104/2020 per gli operatori del turismo e dello spettacolo.

Proroga del termine per la presentazione del modello 770– Da ultimo (per quanto riguarda le misure economiche e fiscali) è stata disposta la proroga del termine per l’invio da parte dei sostituti di imposta dei modelli 770 in scadenza il prossimo 2 novembre (il 31 ottobre cade di sabato), rinviato al 30 novembre 2020. Si ricorda che entro la medesima data occorrerà trasmettere anche i modelli relativi alle dichiarazioni dei redditi per l’anno 2019 (soggetti con esercizio coincidente con l’anno solare).

Assenze dal lavoro per quarantena, isolamento, sorveglianza attiva e lavoratori fragili
Decontribuzione Sud attiva da ottobre a dicembre 2020

(Visited 6 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.