Congedo obbligatorio e facoltativo per i neo papà modalità di fruizione

CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO PER I NEO PAPÀ MODALITÀ DI FRUIZIONE

L’INPS, nel messaggio n. 894 del 2018, fornisce alcune specifiche riguardo la possibilità di fruire del congedo obbligatorio per il padre lavoratore dipendente con riferimento alle nascite e alle adozioni o affidamenti avvenuti nel 2017 e nel 2018.

Congedo obbligatorio – La durata del congedo obbligatorio, fruibile, anche in via non continuativa, entro i cinque mesi di vita del figlio o dall’ingresso in famiglia o in Italia del minore per il padre, è pari a:

  • 4 giorni, per l’anno 2018;
  • 2 giorni, per l’anno 2017

non frazionabili ad ore.

Tale congedo si configura come un diritto autonomo e pertanto è aggiuntivo a quello della madre e spetta comunque indipendentemente dal diritto della madre al proprio congedo di maternità. Il congedo obbligatorio è riconosciuto anche al padre che fruisce del congedo di paternità.

Congedo facoltativo – Dal 2018 è di nuovo possibile che il padre lavoratore dipendente possa fruire di un ulteriore giorno di congedo facoltativo, previo accordo con la madre e in sua sostituzione, in relazione al periodo di astensione obbligatoria spettante a quest’ultima.
Il congedo facoltativo, a differenza da quello obbligatorio, è dunque condizionato alla scelta della lavoratrice madre di non fruire di un giorno di congedo maternità.

CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVOPresentazione della domanda -I lavoratori per i quali il pagamento delle indennità è erogato direttamente dall’INPS sono tenuti a presentare domanda all’Istituto, avvalendosi dei servizi telematici oppure tramite Contact center o avvalendosi di Enti di patronato e intermediari dell’Istituto.

Nel caso in cui le indennità siano anticipate dal datore di lavoro, i lavoratori devono comunicare in forma scritta al proprio datore di lavoro la fruizione del congedo di cui trattasi, con un preavviso di almeno 15 giorni, senza necessità di presentare domanda all’Istituto.

Il datore di lavoro comunica all’INPS le giornate di congedo fruite, compilando le apposite sezioni del flusso Uniemens come segue:

  • per l’esposizione degli importi da conguagliare (elemento “CausaleRecMat” di “MatCredAltre” di “MatACredito”): L060 per congedo obbligatorio, L061 per congedo facoltativo;
  • per l’esposizione dell’evento (elemento “Codice evento” di “settimana”): MA8 per congedo obbligatorio, MA9 per congedo facoltativo.

Detrazioni per familiari a carico

Come richiedere gli assegni familiari arretrati

(Visited 285 times, 1 visits today)
Precedente Ticket licenziamenti casi di esclusione Successivo Agevolazioni contratti a termine

Lascia un commento